Guarda il video

 

LA DUE GIORNI DI OMEGNA

Venerdi 31 agosto, alle ore 13,00, puntuale come un orologio svizzero arriva Tommy e si parte alla volta di Lainate per raggiungere Rena, Walter e Filo ... il benvenuto non è malaccio… panini al latte amorevolmente preparati dal Gentile … un signore.
Si parte e Lewis Walter Hamilton, convinto di avere sotto le chiappe il motore della Mercedes che sta spadroneggiando in F1 da qualche annetto, propende per una guida sportiva….meno male che ero digiuno.
In meno di 15 minuti arriviamo ad Omegna e cominiciamo a prendere possesso dell’Hotel Pomodoro…. si vocifera di strani magheggi effettuati nel riarredare le stanze ma questo è un altro discorso.
Terminata la sistemazione Coach Filomene suggerisce giustamente di mettere qualcosa sotto i denti e così alle ore 15,30 ci ritroviamo seduti a banchettare come nemmeno nel più importante matrimonio pugliese si usa fare … ora possiamo prendere possesso anche dell’ Hotel Croce Bianca.
Fatto tutto ! ora non rimane che aspettare i ragazzi che alla spicciolata stanno raggiungendo Omegna.
Si prende possesso del parquet e le danze cominciano. Coach Fracci e Filomene parlano e spiegano quello che si aspettano e la truppa con intensità e serietà si mette a completa disposizione. Impossibile non sentire il nuovo Trio Medusa (Bonaccolta, Migliano e Surace) motivare il gruppo con la carica che li contraddistinge.
Ed ora si va a sgagnare (per i non milanesi leggasi mangiare).
Dopocena defatigante nel locale più trendy di Omegna … un terremoto. Tutte le omegnesi impazzite per i ragazzi del Real Cornaredo C5 …. ad un certo punto una ragazzina di 17 anni (qualcuno ha pensato bene di soprannominare la malcapitata “scaldabagno”) si direziona verso Coach Fracci e così dice “Mister, i ragazzi hanno bisogno di svagarsi … li lasci fuori tutta la notte “.
L’esperto allenatore che stava ancora pensando a diagonali e parallele rimane basito ma con tono perentorio replica alla giovine che i ragazzi devono allenarsi l’indomani… il rientro è previsto per le 01,30 …e la giovincella triste ma determinata comimcia ad abbracciare almeno metà del roster.
I due gruppi si direzionano così nei rispettivi hotel per chiudere in bellezza la giornata.
Evitando di esprimermi su quanto accade nella room 109 di Filomene/Fracci/Gentile (citati in rigoroso ordine alfabetico) passiamo all’Hotel Croce Bianca nel quale nella camera 222 alloggiano Bonetti/Ferraro/Pavesi. Si chiacchiera parecchio e dopo le 03,00 si decide di andare a nanna … dopo non più di 11 secondi, il Pavesi, detto il Direttore, comincia ad esibirsi in una performance di russate mai sentite fino ad allora sul globo tutto…una cosa mostruosa per intensità e ritmica costanza … i due malcapitati Bonetti e Ferraro si guardano attoniti e al contempo spaventati …. niente da fare….fino alle ore 06,00 DJ Pavesi mixa rumori di ogni genere facendo tremare i muri.
Colazione e Centro Sportivo Bagnella … siamo a sabato.La pioggia obbliga il gruppo ad allenamenti al coperto. Prima in una palestrina poi sul campo…non sembra nemmeno che 5 ragazzi siano appena arrivati a Cornaredo….complicità e professionalità la fanno da padrone.
Pranzo e riposino per poi tornare sul parquet passando prima per la video-analysis di Coach Fracci. Lo conosco da una vita ma è sempre molto interessante ed istruttivo starlo a sentire.
Ma prima di rientrare in albergo si consuma il dramma … il buon Ferraro non trova più le sue Munich lasciate nello spogliatoio antistante la piscina…si ingaggia la famosa agenzia investigativa Tom Ponzi ma le scarpe non si trovano… si sono nebulizzate.
Happy Hour nella piazza centrale di Omegna… tutto secondo prassi finchè non appare una sposa locale… il finimondo. Nel caos che si scatena si riesce solo ad intravedere la “donna velata” (all’attivo circa 95 kg) seduta sulle cosce del Bonaccolta… poraccio…speriamo non si strappi.
Cenetta all’ Hotel Pomodoro al primo piano tutto riservato per il Cornaredo davanti alla TV … si cerca disperatamente il canale per poter assistere a Parma - Juve ed il collegamento appare magicamente quando le squadre sono sotto le docce...peccato.
Dopo una trattativa di stampo islamico si conviene che l’ora del rientro per i calcettisti è mezzanotte e mezza… domani prima amichevole stagionale e serve riposo e concentrazione. Migliano si fa portavoce e come promesso i ragazzi, addirittura in anticipo, rientrano nelle proprie stanze.
Non piove ed un frizzante sole fa capolino sul lago…siamo a domenica, giornata del primo test-match stagionale contro il Calcio a 5 Laveno.
Ci si appresta ad entrare negli spogliatoi quand’ecco che appare Bonaccolta con un DurbanSorriso e con le scarpe del Ferraro … si vocifera che il Ferraro sponsorizzato Juventus (possiede anche il filo interdentale con il logo dei pluriscudettati bianconeri), abbia promesso a chi ritrovasse le sue scarpe la maglia di Ronaldinho…meglio così…tutto è bene ciò che finisce bene.
Passiamo ora alle cose serie… l’amichevole.
Grinta, voglia di fare e dedizione nell’applicare quanto gli allenatori con tanta passione hanno trasmesso…risultato : i bianchi polverizzano gli avversari sciovinando anche alcune giocate veramente pregevoli (non se ne abbia Fracci se mi permetto questa licenza tecnica che non mi spetterebbe). Finisce tanti a pochi…ottimo allenamento.

Tutti a tavola, è l’ora del pranzo….l’ultimo.
Mentre a Monza sta per iniziare l’ennesimo duello tra Vettel e Hamilton, la combricola torna al centro sportivo… prima degli allenamenti il tradizionale spazio dedidicato al ping-pong dove Casagrande con la sua tipica pacatezza molto british batte per l’ennesima volta bomberMigliano… non sa da fare.
Partitella sul sintetico, esercizi sulla sabbia seguiti da partita di footvolley vinta dal team di capitan Scandaliato.
Giunge il momento della piscina all’aperto … tutti al fresco prima di ripartire per casa.
Due bei giorni, intensi, divertenti e piuttosto movimentati.
Si ricompongono gli equipaggi e si parte.
Hamilton, Raikkonen e Walter Gentile l’ordine di arrivo del Gran Premio… peccato per il pit-stop lungo in quel di Arona… avremmo potuto vincere.

P.S. Le mutande ritrovate in albergo sono state messe in vendita in un negozio di intimo nel centro di Omegna... la cifra incassata verrà devoluta per una giusta causa

 

REAL CORNAREDO - LAVENO 13 - 2

Reti : 1-0 Cuomo, 2-0 Ulian, 3-0 Migliano Minazzoli, 4-0 Surace, 4-1 Intini, 5-1 e 6-1 Bonaccolta, 7-1 Villa, 8-1 Di Clemente, 9-1 Monti, 9-2 Intini, 10-2 Bonaccolta, 11-2 Casagrande, 12-2 e 13-2 Migliano Minazzoli
Real Cornaredo: Meraviglia, Bonaccolta, Surace, Monti, Cuomo, Ulian, Casagrande, Forte, Di Clemente, Migliano Minazzoli, Villa, Messineo, Gentile, Volonteri. Allenatore: Renato Fracci
Laveno: Pilotto, Fadda, Intini, Lupis, Martino, Manciavillano, Giaretta, Moncada, Rosa, Ridolfi, Florian, Pasetto. Allenatore: Alberto Levati

Primo test-match per il Real Cornaredo, che per chiudere il mini-ritiro del week-end ad Omegna sul Lago Maggiore ha sfidato il Laveno, formazione di Serie C1 che ha schierato 4 ex Cornaredo: Fadda, Intini (doppietta), Martino e Lupis. I ragazzi di mister Fracci, privi dell’infortunato capitan Scandaliato, sono apparsi pimpanti e vogliosi di far bene, segnando 13 reti, di cui 4 timbrate dai nuovi arrivati Cuomo, Ulian, Surace e Monti.

Bomber principi di questa prima sgambata sono stati Bonaccolta e Migliano Minazzoli, a bersaglio con una tripletta. Completano il bottino i centri di Casagrande, Villa e Di Clemente (eurogol con azione personale e delizioso scavetto al portiere).
Martedì 4 settembre è in programma il secondo test-match al PalaPertini di Cornaredo, dove alle ore 21 sarà ospite un’altra formazione di Serie C1, la MGM dell’ex mister Giuseppe Poltini.

(Ufficio Stampa Real Cornaredo)